FRI – TUR: Fondo Rotativo Turismo

FRI-Tur, ovvero il Fondo Rotativo Turismo, è il nuovo incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale, mediante investimenti medio-grandi (compresi tra 500.000 euro e 10 milioni di euro).

Previsto dal PNRR, il fondo FRI-Tur è promosso dal Ministero del Turismo ed è gestito da Invitalia. La dotazione finanziaria è di 780 milioni di euro, con ulteriori 600 milioni di finanziamenti bancari attivati per questa misura, tenendo conto che il 40% delle risorse stanziate per il contributo a fondo perduto costituisce la riserva destinata alle imprese con sede in una delle regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

I BENEFICIARI

Sono considerati beneficiari del FRI-Tur: Fondo Rotativo Turismo , le seguenti categorie:

  • alberghi;
  • agriturismi;
  • strutture ricettive all’aria aperta;
  • imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale;
  • stabilimenti balneari;
  • complessi termali;
  • porti turistici;
  • parchi tematici, inclusi quelli acquatici e faunistici.

I requisiti che le imprese devono possedere al momento della presentazione della domanda, sono i seguenti:

  • gestire un’attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi o essere proprietari degli immobili presso cui è esercitata l’attività che è oggetto dell’intervento;
  • essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non trovarsi in stato di liquidazione anche volontaria o di fallimento;
  • avere una stabile organizzazione di impresa sul territorio nazionale;
  • essere in regola con le disposizioni in materia di normativa edilizia, urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni, della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi
  • essere in regime di contabilità ordinaria
  • essere in possesso di una positiva valutazione del merito di credito da parte di una banca finanziatrice e di una delibera di finanziamento rilasciata da quest’ultima
  • adottare un apposito regime di contabilità separata laddove operanti nel settore agricolo o della pesca
  • non ricadere nelle fattispecie previste dall’articolo 4, comma 2 dell’Avviso, ed in particolare:

– nei cui confronti sia stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’art.9, comma 2, lett d) del D.Lgs. n. 231/2021;

– i cui legali rappresentanti siano sottoposti a misura cautelare ovvero siano stati rinviati a giudizio o condannati, con sentenza anche non definitiva;

– che abbiano ricevuto e non rimborsato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;

– che siano state destinatarie di provvedimenti di revoca di incentivi nazionali o comunitari e che non siano in regola con la restituzione delle somme dovute;

– che siano controllate, collegate o associate ad imprese che abbiano cessato, nei 12 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, un’attività analoga a quella cui si riferisce la domanda di incentivo;

– che si trovino, alla data dell’ultimo bilancio approvato, in situazioni di difficoltà, come definita dall’art.2 punto 18 Regolamento GBER e dall’art.2 punto 14 Regolamento UE n.702/2014.

LE SPESE AMMISSIBILI

Per poter accedere al FRI-Tur: Fondo Rotativo Turismo i progetti dovranno far riferimento a programmi di investimento inerenti a:

  • interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture (il 50% delle risorse stanziate per il bando è riservato a tale tipologia di intervento); 
  • interventi di riqualificazione antisismica; 
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche; 
  • interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o installazione di manufatti leggeri, incluse le unità abitative mobili e loro pertinenze e accessori collocate, anche in via continuativa, in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, funzionali alla realizzazione degli interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica e agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche; 
  • interventi di realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali; 
  • interventi per la digitalizzazione previste; 
  • interventi di acquisto/rinnovo di arredi. 

Sono ammissibili, al netto dell’IVA, le seguenti spese:

  • servizi di progettazione (max 2%);
  • suolo aziendale e sue sistemazioni (max 5%);
  • fabbricati, opere murarie e assimilate (max 50%);
  • macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica; 
  • investimenti in digitalizzazione, esclusi i costi di intermediazione (max 25%).

I progetti finanziabili devono essere avviati entro e non oltre 3 mesi dalla data di stipula del Contratto.

L’investimento dovrà essere riferito ad una o più unità dell’impresa richiedente situate sul territorio nazionale e deve prevedere spese ammissibili, al netto dell’IVA, comprese tra 500.000 euro e 10 milioni di euro.

I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2025 ed essere conformi alla normativa ambientale nazionale ed europea, alla Comunicazione della Commissione UE (2021/C 58/01) e agli orientamenti tecnici sull’applicazione del principio DNSH, a norma dell’art. 17 del Regolamento UE 2020/852.

I Programmi di investimento devono escludere esplicitamente tutte le seguenti attività: 

  • connesse ai combustibili fossili, compreso l’uso a valle;
  • nell’ambito del sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS) che generano emissioni di gas a effetto serra previste non inferiori ai pertinenti parametri di riferimento;
  • connesse alle discariche di rifiuti, agli inceneritori e agli impianti di trattamento meccanico biologico;
  • nel cui ambito lo smaltimento a lungo termine dei rifiuti potrebbe causare un danno all’ambiente.

LE AGEVOLAZIONI

Le agevolazioni vengono erogate secondo due modalità distinte:

  • contributo diretto alla spesa: concesso sulla base degli importi ammissibili delle spese, tenuto conto delle percentuali massime sulla base della dimensione dell’impresa e della localizzazione dell’investimento, coerentemente con i target di attuazione previsti dal PNRR. 

Percentuale massima: 35% dei costi e delle spese ammissibili.

  • finanziamento agevolato: concesso da Cassa Depositi e Prestiti ad un tasso nominale annuo pari allo 0,5%, con una durata compresa tra 4 e 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento della durata massima di 3 anni, a partire dalla data di sottoscrizione del contratto di finanziamento

Al finanziamento agevolato deve essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca finanziatrice.

Gli incentivi – cioè la somma del finanziamento agevolato + contributo diretto alla spesa – sono riconosciuti nel rispetto dei limiti previsti dal GBER (Regolamento UE 651/2014).

Se le singole unità interessate dall’investimento sono collocate in aree di aiuto differenti del territorio nazionale, le percentuali di Equivalente Sovvenzione Lorda (ESL) e di Contributo applicate saranno quelle del regime relativo alla localizzazione della singola unità locale.

La somma del finanziamento agevolato, del finanziamento bancario e del contributo diretto alla spesa non può essere superiore al 100% del programma ammissibile. L’impresa richiedente dovrà assicurare la copertura integrale del programma di investimento, inclusi i costi necessari ma non ammissibili e l’IVA complessiva, apportando ulteriori risorse finanziarie non agevolate.

LE SCADENZE

La domanda può essere presentata dalle ore 12:00 del 1° luglio 2024 alle ore 12:00 del 31 luglio 2024. Dalle ore 12:00 del 30 maggio 2024 sarà possibile scaricare la documentazione dal sito di Invitalia https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/rafforziamo-le-imprese/fri-tur.

Vuoi saperne di più? Vuoi scoprire se la tua azienda può beneficiare del FRI-Tur Fondo Rotativo Turismo?

Contattaci su info@digitalfinancing.it

Share:

Facebook
Twitter
WhatsApp
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Social Media

New From Animag

On Key

Contenuti simili

FRI – TUR: Fondo Rotativo Turismo

FRI-Tur, ovvero il Fondo Rotativo Turismo, è il nuovo incentivo che punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in

Consulenze per:

Gestione Finanziaria

Ogni azienda ha l’esigenza di avviare un percorso di monitoraggio e controllo dal punto di vista finanziario.

Scopri di più

Clicca qui

Tax Optimization

La giusta strategia di riduzione del carico fiscale può aumentare il valore aziendale.

Scopri di più

Clicca qui

Trust & Protezione patrimoni

Il trust rientra a pieno titolo nella categoria degli strumenti di tutela e protezione del patrimonio.

Scopri di più

Clicca qui

Finanza Agevolata

Scopri come accedere agli incentivi dedicati alle imprese tra i fondi europei, nazionali e regionali

Scopri di più

Clicca qui
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

 ENTRA A FAR PARTE DELLA NOSTRA COMMUNITY

 Mantieniti aggiornato sulle ultime novità che possono agevolarti

Puoi annullare l'iscrizione in qualisasi momento utilizzando il link incluso nella nostra newsletter. 

Scopri di più sulle condizioni d'uso